Imprenditori stranieri in Polonia

  • Stampa
 
Dal momento che la Polonia è diventata uno stato membro della Comunità Europea nell'anno 2004, le possibilità di avviare un' attività comerciale da parte di imprenditori stranieri in Polonia sono cresciute a livello esponenziale.
 
Le società di capitali e le società di persone di diritto polacco possono essere partecipate sia da persone fisiche che da persone giuridiche straniere, grazie all'applicazione dei principi del diritto comunitario, il quale garantisce la libertà di "fare affari" senza discriminazioni in tutti i stati membri, Polonia inclusa.
 
Non è nemmeno obbligatoria la presenza di un socio polacco.
 
E’ inoltre possibile per una persona fisica di nazionalità estera e non residente in Polonia, assumere la carica di un'amministratore di una società di capitale polacca, senza la necessità di prendere la residenza sulle rive della Vistola. 
 
Il diritto commerciale attualmente in vigore e' sufficientemente armonizzato rispetto al diritto societario e commerciale europeo ed internazionale, così da non risultare estraneo alla mentalità degli investitori ed imprenditori italiani ed al diritto commerciale italiano stesso.
Ad esempio, Polonia ha introdotto nel suo sistema giuridico l'istituto della società europea ed il regolamenti UE in materia.